Varese - televalleolona

Vai ai contenuti

Menu principale:

Varese
Varese (IPA: [vaˈreze], Varés in dialetto varesotto) è un comune italiano di 80.596 abitanti, capoluogo dell’omonima provincia inLombardia. È l’ottavo comune della regione per popolazione, e secondo dell’omonima provincia, dopo Busto Arsizio. Il caratteristico appellativo di Città giardino deriva dai numerosi parchi e giardini che si trovano nell’ambito del comune, in gran parte pertinenze di ville ivi edificate tra il XVIII secolo e l’inizio del XX secolo, prima da famiglie di nobili e più recentemente da industriali e rappresentanti dell’alta borghesia, originari soprattutto di Milano. Varese fa parte della Regione Agraria n° 4 – Colline di Varese, delParco Regionale Campo dei Fiori, e della Rete delle Città Strategiche (RECS). Gli abitanti della città sono chiamati Varesini, mentre gli abitanti dell’hinterland sono detti Varesotti. Analogamente buona parte del territorio della provincia oltre i confini della città viene chiamato Varesotto. La città di Varese si trova in una posizione caratteristica, ai piedi del Sacro Monte di Varese (nelle Prealpi varesine), che fa parte del Campo dei Fiori ed è sede di un osservatorio astronomico, nonché del Centro Geofisico Prealpino. La frazione che occupa la parte mediana della montagna prende il nome di Santa Maria del Monte in ragione del santuario medioevale, a cui si giunge tramite il viale delle cappelle del Sacro Monte. A segnare il margine più basso della città l’omonimo lago che la lambisce a livello di alcune frazioni. Varese è adagiata su sette colli: il Colle di San Pedrino (il quartiere di Bosto) (402 m), il Colle di Giubiano (407 m), il Colle Campigli (453 m), il Colle di Sant’Albino (l’altura di fronte a Bosto a fianco di viale Europa)(406 m), il Colle di Biumo Superiore (439 m), Colle di Montalbano (Villa Mirabello) (411 m) e il Colle dei Miogni (492 m). Il territorio del comune risulta quindi essere compreso tra i 238 e i 1.150 m s.l.m. L’escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 912 metri. La casa comunale si trova a 382 m s.l.m. Il territorio di Varese è bagnato da numerosi corsi d’acqua, ed è interessato dal lago di Varese. Nella frazione Rasa di Varese, il fiume Olona ha tre delle sue sorgenti, sempre in questa frazione l’Olona riceve le acque dei torrenti Legnone, Des e Sesnivi (o Valle del Forno). Più a valle, in località Bregazzana confluiscono nell’Olona anche i torrenti Braschè, Pissabò, Boscaccia e Grassi. A nord est, lambisce Varese il ramo sorgentizio orientale dell’Olona che scorre in Valganna; al confine tra Varese ed Induno Olona, confluisce nel fiume il torrente Pedana della Madonna. Sotto Santa Maria del Monte sgorga quello che può considerarsi come il corso d’acqua di Varese, il torrente Vellone. Dopo aver bagnato il rione di Velate, attraversa coperto la città, per poi sfociare nell’Olona in località Belforte. A nord della frazione Rasa, nasce invece il torrente Buragona, alimentato dall’affluente Valgallina, tributario del lago di Brinzio. All’estremo nord del territorio varesino, in cresta al Campo dei Fiori, nascono l’Intrino ed il Riazzo, che bagnano l’abitato di Brinzio. Dalla zona montuosa di Varese nascono alcuni torrenti che confluiscono nel Lago di Varese, in particolare il Val Luna e il Rio di Casciago. A sud di Varese scorre la Roggia Nuova che confluisce nel lago presso Capolago. A Bizzozero nasce il torrente Selvagna, che confluisce nell’Olona presso Castiglione Olona. In località Torre San Quirico, quasi al confine con Gazzada Schianno, nasce il torrente Arno o Arnetta, uno dei principali corsi d’acqua del Basso Varesotto e dell’Altomilanese. Da sottolineare anche che Varese è chiamata “La terra dei laghi” per i 7 bacini che la bagnano (lago di Varese, lago Maggiore,lago di Comabbio, lago di Monate, lago di Lugano, lago di Ghirla, lago di Ganna). Nelle vicinanze della provincia troviamo anche il lago di Como. L’inverno varesino risente poco dell’influenza mitigatrice del Lago Maggiore e degli altri laghi minori della provincia. Le temperature minime tardo-autunnali ed invernali scendono frequentemente, pur di pochi gradi, sotto lo zero. Sono proprio le temperature notturne basse, a creare un clima differente alle aree a sud di questa città. Come nelle altre città
prealpine lombarde, la nebbia è un fenomeno poco frequente. Dati termici alla mano, Varese è mediamente più fresca rispetto ad altri capoluoghi lombardi delle Prealpi, in special modo nel periodo invernale. La piovosità di Varese è tra le più alte d’Italia, con oltre 1500 mm di media all’anno. In inverno la neve cade, negli ultimi anni, abbastanza frequentemente, specie in gennaio. La media niveometrica della città è di oltre 50 cm annui.
Torna ai contenuti | Torna al menu